ADHD ADULTI o Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività dopo i 18 anni d’età

L’ADHD o Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività è un disturbo che esordisce in età evolutiva, caratterizzato da difficoltà di attenzione e di concentrazione, difficoltà di controllo degli impulsi e iperattività motoria, ma che evolve, se non riconosciuto e curato adeguatamente in un ADHD adulti.

L’ADHD è quindi un vero e proprio disturbo di carattere neurobiologico, non è “una fase che il bambino prima o poi supererà”, né l’esito di una cattiva educazione e nemmeno dellla “cattiveria” del bambino.

È un disturbo che molto spesso ostacola il rendimento scolastico, l’instaurazione delle relazioni sociali causando problemi emotivi e disturbi dell’umore.

Studi recenti hanno mostrato che nel 60-85% dei casi il disturbo persiste nel corso della vita, e quindi è mantenuto in età adulta diventando dunque un ADHD adulto anche se spesso l’iperattività tende a diminuire dopo i 10 anni d’età lasciando talora una irrequietezza “emotiva” e una instabilità nelle relazioni interpersonali unito a difficoltà ad organizzarsi e a gestire più compiti in parallelo (Kessler et al., 2006; Barkley et al., 2008; Volkow et al., 2013).

La diagnosi nell’ADHD adulto

La diagnosi dell’ADHD nell’età adulta è un processo più complicato e differente rispetto a quella che avviene per l’età evolutiva, i sintomi sono più eterogenei e possono sovrapporsi con altri disturbi in comorbidità.

Inoltre, solo recentemente sono stati sviluppati strumenti diagnostici e linee guida per gli adulti (Wolraich et al., 2011., Kendall et a., 2008).

Spesso, negli adulti con ADHD la sintomatologia tipica dell’età evolutiva, caratterizzata da Disattenzione, Iperattività e Impulsività, non è adeguata poiché tali caratteristiche non sono stabili nel tempo.

Ad esempio, nell’età adulta tende a diminuire la componente dell’iperattività e persistono invece le difficoltà di attenzione, che si manifestano con una difficoltà di svolgimento di compiti come: mantenere gli appuntamenti, rispettare le scadenze o concentrarsi su un singolo compito.

Tali conseguenze influenzano negativamente diversi aspetti della vita dell’adulto. Infatti sono presenti spesso, oltre che difficoltà finanziarie e lavorative, differenti problemi interpersonali e relazionali.

Il disturbo da Deficit dell’attenzione con iperattività, ADHD, negli adulti: non solo ADHD 

La presenza del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività, in molti casi, è associata ad altri tipi di disturbi, che esordiscono nel corso degli anni e complicano il quadro clinico già presente.

I più frequenti disturbi in comorbidità sono il Disturbo Oppositivo Provocatorio, i Disturbi dell’Apprendimento, problemi di condotta e antisociali, bassa auto-stima, depressione, personalità antisociale, uso/abuso di sostanze.

In alto a destra vedi anche “TERAPIA E SERVIZI ADHD NELL’ADULTO”

COME PUOI AGIRE?

VUOI CHIEDERE ULTERIORI INFORMAZIONI?

CONTATTACI! Guarda le nostre SEDI e i nostri SERVIZI ONLINE!