Stimolazione cognitiva nelle persone anziane o con demenza

  • Quando è utile una stimolazione cognitiva e per chi?
  • Un tuo familiare è affetto da demenza? 
  • La diagnosi è stata un duro colpo per l’intero nucleo familiare e adesso non sai cosa fare, oppure, non sei ancora in possesso di una diagnosi e vorresti far luce sulla condizione attuale del tuo caro? 
  • La malattia mette ogni giorno che passa a dura prova te, il tuo caro e tutta la tua famiglia? 
  • Il futuro ti preoccupa? 
  • Non sai da dove iniziare? Ti hanno mai detto che è possibile fare qualcosa? 

Se la risposta a quest’ultima domanda è “no”, sappi che in ogni fase della malattia è possibile intervenire, seppur in modi diversi, per contrastare la demenza!

LA STIMOLAZIONE COGNITIVA: COS’È?

Si tratta di interventi mirati ad incrementare il benessere e l’autonomia dell’anziano affetto da demenza, con lo scopo di riattivare/stimolare le sue competenze residue e rallentare la perdita funzionale delle abilità cognitive.

Le manifestazioni cliniche delle demenze, che possono essere oggetto di specifici interventi riabilitativi, sono molteplici e riguardano sia i deficit cognitivi (es. attenzione, memoria, linguaggio) che i sintomi comportamentali, psicologici e la disabilità nelle attività della vita quotidiana.

Anche le persone con demenza sono infatti ancora in grado di apprendere, consolidare o formare nuovi collegamenti neuronali, seppure in modo meno efficiente.

OBIETTIVI

Poiché il deterioramento cognitivo non si presenta in tutti i soggetti con le stesse caratteristiche e con lo stesso livello di gravità, è solo attraverso un’accurata valutazione della situazione patologica in corso e dopo aver condotto un accurato bilancio delle abilità che il paziente ha perduto e di quelle che il paziente ha conservato, che sarà possibile valutare le strategie e le metodologie più adatte al caso.

Tutto questo allo scopo di:

  • Contrastare e rallentare il decorso della malattia;
  • Ridurre in frequenza/intensità i problemi comportamentali, rendendoli quindi maggiormente gestibili;
  • Mantenere il miglior livello di autonomia e benessere possibile;
  • Ridurre lo stress di chi assiste e, in generale, i carichi assistenziali;
  • Ridurre o ritardare l’utilizzo di mezzi di contenzione fisica e/o farmacologici.

ATTIVITÀ PROPOSTA

Il trattamento di riabilitazione cognitiva attuato come stimolazione cognitiva  deve essere effettuato da uno psicologo specializzato nelle demenze e nella riabilitazione cognitiva, oppure un neuropsicologo specializzato in questo.

L’intervento sarà costruito, previa accurata valutazione neuropsicologica, in modo personalizzato, coerentemente con le metodologie e gli strumenti che ad oggi, da letteratura, si sono dimostrati maggiormente efficaci nel contrastare le demenze.

Per fare il primo passo, richiedi ora una consulenza!