Cos’è L’Incontinenza Urinaria?

L’Incontinenza urinaria è definita dall’International Continence Society come la “manifestazione di una perdita involontaria di urina”.  L’incontinenza urinaria colpisce maggiormente le donne per motivi ben specifici: nelle donne l’uretra è più breve; il livello di estrogeni diminuisce con l’età; il rivestimento della vagina diventa meno elastico e i muscoli che controllano la fuoriuscita di urina si indeboliscono; dopo il parto i muscoli della parete vescicale si rilassano. Le cause mostrano che non è esclusivamente un problema legato all’età, infatti l’incontinenza urinaria può manifestarsi a qualsiasi età: in circa il 20% dei casi il disturbo esordisce verso i 30 anni d’età.

Quali sono le tipologie di Incontinenza Urinaria?

La più frequente forma di incontinenza è l’INCONTINENZA DA STRESS, ossia la perdita involontaria di urina in coincidenza con l’aumento della pressione addominale, dovuta ad uno sforzo, alla fatica, a starnuti o a colpi di tosse.

L’incontinenza urinaria è definita DA URGENZA quando invece, la perdita di urina è accompagnata, o immediatamente preceduta, da improvvisa, impellente necessità di urinare.

Si parla di INCONTINENZA URINARIA MISTA quando sono presenti entrambi i sintomi delle condizioni precedentemente descritte.

Perché è importante diagnosticare l’incontinenza urinaria?

L’incontinenza urinaria non è pericolosa, se non proprio nei casi più gravi, tuttavia l’impatto sulla qualità della vita è molto alto. La difficoltà nel controllare la fuoriuscita dell’urina provoca un forte disagio psicologico oltre che fisico. Le persone che ne soffrono sono vittime di sentimenti di imbarazzo e di vergogna, con conseguente limitazione o evitamento delle situazioni sociali, lavorative e sessuali. L’imbarazzo porta le pazienti al silenzio, gran parte di loro non ne pala con il proprio medico, e più della metà non si cura. Diagnosticando in tempo il problema è possibile ridurre o eliminare totalmente i sintomi e di conseguenza i disagi che una donna si trova ad affrontare.

Una corretta diagnosi è, inoltre, fondamentale per indirizzare il trattamento verso il sintomo principale. Per la diagnosi è necessario effettuare alcuni esami urodinamici, può essere utile inoltre effettuare un’ecografia o un esame radiologico in base al caso specifico. Solitamente per inquadrare il problema e identificarne la gravità viene utilizzato il diario minzionale, cioè un diario per la registrazione delle minzioni, delle perdite di urina e dei problemi associati, compilato dalla persona incontinente.

Ogni caso è differente, non tutti gli esami sono sempre richiesti, anzi talvolta la diagnosi viene effettuata subito dal medico, senza alcun bisogno di indagini approfondite. Sarà comunque lo specialista a indirizzarti e a guidarti.

Ecco alcune buone abitudini quotidiane:

  • Evitare di andare al bagno troppo spesso, questo potrebbe portare ad riduzione della capacità di ritenzione vescicale. È preferibile cercare di andare in bagno solo quando la vescica è piena e non si può più rimandare. Durante la minzione non avere fretta, è importante che la vescica si svuoti completamente.
  • Anche le abitudini alimentari possono aiutare a prevenire l’indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico. È importante bere con regolarità(almeno 1,5 litri di liquidi al giorno), infatti ridurre la quantità di liquidi potrebbe avere delle implicazioni sulla vescica, rendendola più attiva
  • É importante avere cura della propria igiene intima, soprattutto in caso di perdite di urina durante gravidanza e menopausa, prevenendo così il rischio di irritazioni e infiammazioni.

 

Cos’è il Biofeedback?

Il Biofeedback è trattamento riabilitativo riguardante il controllo motorio del pavimento pelvico tramite canali diversi registrando attività muscolari poco percepite dalla paziente. Dopo un’attenta valutazione della muscolatura del pavimento pelvico e della muscolatura addominale, verranno svolti assieme ad un operatore esperto degli esercizi di potenziamento e di rilassamento di tale muscolatura. Più precisamente il Biofeedback viene sfruttato come tecnica di rinforzo positivo di tali esercizi. Esso renderà la paziente maggiormente consapevole della contrazione della muscolatura pelvica e della tensione della muscolatura addominale.

Inoltre è importante abbinare alle sedute di Biofeedback degli esercizi che possono essere svolti a casa, in qualsiasi luogo, tra una seduta o l’altra. Lo svolgimento di questi esercizi potrà avvenire in qualsiasi luogo poiché la contrazione dei muscoli coinvolti non è visibile dall’esterno e non comporta alcuno sforzo fisico. Questi esercizi hanno l’obiettivo di recuperare l’elasticità della muscolatura pelvica.

 Quali sono i vantaggi?

  • Permette di attuare un intervento individualizzato
  • La sua efficacia e i suoi benefici sono riscontrabili dopo poche sedute
  • È meno invasivo rispetto ad un intervento chirurgico
  • Lavora direttamente sulla consapevolezza e sull’autocontrollo del paziente

 

Se sei interessato all’argomento visita la sezione dedicata al BIOFEEDBACK

Oppure

Visita la Sezione dedicata ai SERVIZI per ADULTI

Per qualsiasi informazione puoi CONTATTARCI al numero 0424 382527 o all’indirizzo email [email protected]