Quando la scuola ignora la precocità

Vi è mai capitato di scovare un talento tra i banchi di scuola? Di avere un alunno particolarmente acuto e brillante? Un bambino sempre alla ricerca di risposte sul mondo, curioso e intraprendente?

Molto probabilmente, quel bambino possedeva un alto potenziale intellettivo.

Ma questo bambino, che adulto è diventato? Ha sviluppato a pieno le sue doti e i suoi talenti? Ha mantenuto la curiosità e l’intraprendenza di quando era un alunno?

Le ricerche in merito ci forniscono alcuni dati; dati spesso allarmanti, che devono farci riflettere sulle metodologie e strategie educative utilizzate con questi studenti.

In particolare, diversi studi longitudinali ci riportano che il 50% di bambini che presenta, fin dalla tenera età, un alto potenziale cognitivo viene bocciato; il 33% presenta difficoltà alla fine della 3° media; il 17% hanno riportato una qualsiasi difficoltà nel corso del loro percorso di studi; il 43% interrompe gli studi dopo il diploma professionale; e solo il 40% dei ragazzi ad alto potenziale si laurea.

Come è possibile, che l’alto potenziale non sia sinonimo di un buon successo scolastico?

Quello che succede è che il bambino assimila velocemente le informazioni e i concetti, grazie alla sua maturità di ragionamento, al suo grande intuito e alla sua forte memoria. Quindi alla scuola primaria il bambino può non manifestare alcun tipo di difficoltà. Anzi!

Così, durante i primi anni di scolarizzazione, ci si dimentica di insistere su metodologie di apprendimento, sull’organizzazione del pensiero, e sulla pianificazione.  E così, intorno la 3° media possono iniziare le prime difficoltà. Non essendo abituato ad uno sforzo attivo, il ragazzo ad alto potenziale, non sa più come fare, e non comprende le motivazioni del suo “improvviso” crollo scolastico. Manifestando così, in alcuni casi, opposizione e rifiuto verso l’apprendimento; e nei casi più gravi anche una vera e propria fobia scolastica.

Per questi motivi, forse la sola l’intelligenza non è sufficiente all’apprendimento. Sono necessarie anche strategie di insegnamento e didattiche personalizzate, che permettano al bambino ad alto potenziale di sviluppare a pieno le proprie capacità.

Il ritardo del sistema educativo nei confronti di questo argomento, compromette le possibilità di riuscita di questi bambini, ma causa anche uno “spreco di risorse”, e genera adulti insoddisfatti e frustrati.

Non occuparsi della precocità intellettiva, o ignorarla significa generare un a nuova forma di difficoltà scolastica.

 

Ti è piaciuto questo articolo? Lascia un commento per dirci cosa ne pensi!

Sei interessato all’argomento? CLICCA L’IMMAGINE per scoprire di più sul nostro corso.

Corso coltivare talenti